Smartphone: 10 anni dopo

Sono passati ormai 10 anni da quando Steve Jobs presentò al pubblico il primo smartphone della storia, l’iPhone, e con esso il suo sistema operativo iOS (all’epoca chiamato iPhone OS).


L’iPhone è stato il terminale che ha lanciato tale mercato, tuttavia il primo modello (iPhone 2G o iPhone Edge) venne venduto solamente in alcuni paesi (Italia esclusa).

Con il secondo modello venne introdotta una funzionalità base per gli smartphone attuali, uno Store di Applicazioni di Terze Parti.

Dal 2010 all’iPhone di Apple (che era giunto alla quarta versione – iPhone 4), c’è la concorrenza di Samsung e la sua nuova gamma di smartphone, la serie Galaxy S. A bordo di tali dispositivi vi è presente il Sistema Operativo Made in Google, Android.

Ad oggi i due Sistemi Operativi si sono uniformati quasi del tutto, nonostante alcuni anni fa iOS fosse decisamente più stabile, ormai Android (in particolare con Marshmallow e Nougat) è anch’esso molto più stabile rispetto al passato.

Tuttavia oltre questi due Sistemi Operativi, ne esistono degli altri come BlackBarryOS (sviluppato dalla stessa BlackBarry) o WindowsPhone (sviluppato da Microsoft), tuttavia mentre il primo possiede lo 0% dei dispositivi mobili sul mercato a causa della preferenza degli utenti verso altri S.O. Mobile, ed il secondo è rimasto in “pausa” per tutto l’anno scorso, come indicato dalla casa madre tempo prima.


Se pensiamo allo smartphone cosa viene in mente? Banalmente un telefono dove poter utilizzare applicazioni come Whatsapp, Facebook e via dicendo, tuttavia quando Steve Jobs presentò il primo iPhone lo definì come “Un iPod per ascoltare musica, un telefono rivoluzionario e un device per la navigazione Internet”, intuendo che, in un futuro non molto lontano, l’utente finale avrebbe voluto un unico dispositivo dove eseguire le operazioni che al giorno d’oggi sembrano banali, ma 10 anni fa non era così.

I due Sistemi Operativi per smartphone più diffusi sono iOS e Android, mentre il primo è proprietario di Apple ed è presente solo nei suoi dispositivi mobili (iPhone, iPad e iPod Touch), il secondo è presente sul resto degli smartphone, anche grazie al fatto che è open source. Attualmente gli smartphone più venduti sono proprio gli iPhone, mentre il Sistema Operativo più diffuso è Android.

Il 2016 è stato l’anno delle doppie fotocamere su essi, principali protagonisti sono stati Huawei P9, LG G5 e iPhone 7 Plus, tuttavia nella seconda metà dell’anno è stato presentato il primo smartphone borderless, ovvero un dispositivo tutto schermo, primo di questa categoria è lo Xiaomi Mi Mix.


Nel corso di questi 10 anni gli smartphone si sono evoluti parecchio, e chissà cos’altro accadrà nel prossimo futuro, a partire dal Samsung Galaxy S8 che sarà presentato a breve.

Il 2017 sembra andare verso i dispositivi borderless e l’ottimizazzione degli stessi, dopo cosa accadrà? L’evoluzione di tali dispositivi sarà costante o ci sarà una brusca frenata?

Studente di Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software presso l’università di Bari ed appassionato di tecnologia, "forzato" ad apprendere l'uso della tecnologia ed affascinato da essa, in particolare dal mondo Apple e dal suo ecosistema

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *