Recensioni

Pocophone F1 e il modding – combinazione vincente? (Aggiornato)

Vi ho parlato del Pocophone F1 di Xiaomi da poco (più precisamente qui), e da quando ho sbloccato il bootloader ho iniziato a smanettarci.

Inizialmente non era per il modding, ma per rimuovere la beta della MIUI per il PocoPhone, ma dopo poco mi sono fatto prendere la mano e ho iniziato ad installare alcune rom, in particolare sono rimasto colpito da una, la multirom.

La peculiarità di questa rom é che si può installare in multi boot diverse rom, e quelle che uso maggiormente, oltre la MIUI, sono la Pixel Experience e la AOSP Extended.

Innanzitutto, prima di iniziare ad installare una rom bisogna fare alcuni step, sbloccare il bootloader con Mi Flash Unlock, installare una recovery modificata come la TWRP oppure (nel mio caso, una TWRP che funzioni con multirom), scaricare la rom scelta e le Gapps, senza le quali non potremmo utilizzare i vari servizi Google, come il Play Store.

Il vantaggio di questa rom é che non si deve necessariamente cancellare la rom stock, di default é la MIUI, ma può essere installata sopra ad essa.

La prima rom che ho installato attraverso multirom era la Pixel Experience, rom in puro stile Google, esattamente uguale a quella presente sui Pixel di Google. É stata una rom che ho adorato sin da subito, sia perché adoro Android Stock, sia perché non dovevo installare le Gapps manualmente, tuttavia mancava ancora qualcosa che non mi faceva propendere per utilizzarla come mia Rom principale.

La seconda rom che ho installato é la AOSP Extended, é stato un amore a prima vista, completava le lacune della precedente rom, come l’utilizzo di alcune gesture o l’always on display.
Alcune note negative di questa rom sono la fotocamera, ma risolvibile se installata un’altra fotocamera come la Gcam, e che, se abilitato, l’always on display consuma più batteria rispetto alla MIUI.
Per quanto riguarda invece le performance, esse non sono calate, anzi si può dire che nell’uso quotidiano siano migliorate, grazie alla leggerezza della rom. Insomma, come per ogni cosa ci sono dei pro e dei contro.

Per “risolvere” il problema della batteria ho deciso di installare un altro Kernel sulle rom presenti sul dispositivo, il FrancoKernel, che aiuta al dispositivo a risparmiare batteria e a migliorarne l’autonomia.

Una rom che avrei voluto installare era la OxygenOS di OnePlus, tuttavia essa é esclusiva dei dispositivi della suddetta azienda, e neanche su XDA ho trovato una rom simile. Davvero un bel peccato per chi adora l’esperienza utente di OnePlus, tuttavia l’unica rom che si avvicina a quell’esperienza é la LineageOS, seppur non disponibile in via ufficiale.

Quindi in definitiva, installare rom sul Pocophone F1 é utile?
Secondo me si, come sulla maggior parte dei dispositivi Xiaomi esistono molte rom, su questo in particolare, come dimostrato dal supporto della comunità di XDA, fra le molte rom, kernel e recovery sviluppate per questo dispositivo, senza parlare del supporto al progetto trebble.
Abbiamo un dispositivo con un hardware da top di gamma, un supporto costante dalla community ed un prezzo aggressivo, un ottima combinazione a cui resistere, sopratutto per gli smanettoni.

Aggiornamento 

  1. Ho appena notato che su XDA sono state rilasciate due ROM, sono entrambe delle OxygenOS, una basata su quella di OnePlus 6 e una basata su quella di OnePlus 6T. 
    Attualmente è ancora una beta, ma dai primi test sembra comportarsi bene, anche se ci sono problemi, come con la fotocamera stock di OnePlus, il flash o con il notch, ma la rom sembra essere il più vicino possibile all’esperienza OnePlus per questo dispositivo. Diciamo che essendo ancora alle prime beta, è normale che siano presenti dei bug, ma sono sicuro che verranno risolti nelle prossime release. 
  2. È stata rilasciata la LineageOS ufficiale

Studente di Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software presso l’università di Bari ed appassionato di tecnologia, "forzato" ad apprendere l'uso della tecnologia ed affascinato da essa, in particolare dal mondo Apple e dal suo ecosistema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *